Antidoti contro i fuffaguru: selection bias

Antidoti contro i fuffaguru: selection bias

Partiamo subito facendo un esempio concreto e di facilissima comprensione, mettiamo che decido di iniziare a tradare azioni quotate come passione da condividere con un mio pubblico su Facebook o sul mio blog personale.

Apro un conto con un broker online, ci verso 100,000 EUR, e ogni giorno analizzo il mecato andando lungo e corto (short, vendite allo scoperto) di titoli facendo una 30 ina di trade diversi alla settimana.

Ogni Sabato faccio un articolo dove parlo di un trade di cui sono stato molto soddisfatto, spiego i livelli di entrata, la stop loss che avevo predefinito, la ragione che mi aveva spinto ad impostare la transazione e le motivazioni tecniche che mi hanno spinto a chiudere a posizione, in profitto ovviamente, ad un determinato livello di prezzo azionario. Non passerebbero molte settimane, mettimo 25 o 30 prima che la gente cominci a considerarmi un "mago" degli investimenti: decine di trade, settimana per settimana, che mostrano quanto io sia geniale.

In maniera non molto dissimile fanno i "formatori" o presunti tali nel mondo immobiliare: ogni settimana ci presentano una loro operazione immobiliare o quella di un loro corsista che ha realizzato ritorni sull'investimento a doppia cifra nel giro di pochi mesi, con costi di entrata contenuti, nessun imprevisto ... tutto perfetto insomma.

Cosa non va in questo apporccio?

Che le cose si devono raccontare PRIMA che l'incertezza si dipani e non dopo che si è assistito al risultato che l'incertezza stessa ha prodotto. Esempio italianissimo e concreto: se vendo numeri del lotto alla radio, devo comnicare gli stessi prima della estrazione ed in numero limitato (mettiamo 6 o 7 numeri), tutti avranno così modo - in maniera trasparente - di vedere se sono o meno usciti all'estrazione successiva. E' troppo facile e altamente scorretto invece venderne a centinaia e dopo l'estrazione intervistare i 2-3 clienti che con 10 EUR di investimento, grazie al nostro consiglio, si sono portati a casa grandi somme con un terno azzeccato.

Volete parlarci dei vostri investimenti immobiliari, mostrateci il vostro collaboratore all'inizio della ricerca dell'immobile da acquistare, dandoci conto anche del tempo che lo stesso impiega a selezionare l'immobile "giusto". Diteci quali sono le sue prospettive di realizzo finale ed il budget di spesa della ristrutturazione e se i due numeri sono poi confermati da quelli che ri verificano nella realtà ... facendo in questo modo non si introduce nella argomentazione quello che è il "bias" della selezione, ovvero l'errore statistico (ma voluto esplicitamente da questi venditori di sogni) di scegliere solo le storie a lieto fine lasciando da parte tutte quelle finite con numeri deludenti se non addirittura davanti al legale.

Antidoto per i fuffaguru: annientare il selection bias, farsi mostrare i numeri di TUTTE le operazioni a cui hanno preso parte, idealmente audited da società di consulenza come fanno i gestori del mondo finanziario che questo problema lo hanno risolto 40 anni fa.

Avete qualche consiglio per riuscire a non credere alle "sirene" dei fuffaguru? Condivideteli con noi, come sempre scrivendoci a: info@housingmilan.com

 

BreraRent: immobili residenziali in locazione in zona Accademia Brera