Quanto è ragionevole pagare di provvigioni per locare il proprio immobile?

Quanto è ragionevole pagare di provvigioni per locare il proprio immobile?

PArtiamo da un nostro assunto di base, che pensiamo essere di buon senso: le provvigioni devono essere commisurate alla difficoltà di raggiungimento della conclusione dell'affare.

Se mi danno da locare un palazzo abbandonato di uffici, che devo far trasformare in hotel dal conduttore a proprie spese, avendo come fine quello di firmare poi un contratto trentennale di locazione, percentualmente chiderò molto di più rispetto alla locazione di un bilocalino perfetto, come metratura, posizione e stato di conservazione, in pieno centro città, accanto alla fermata della metropolitana.

Il libero mercato è il miglior arbitro di come stabilire i prezzi ed i valori dei servizi che vengono offerti, quindi al di la' della indicazione di massima di richiedere il 10% del canone di locazione annuale al locatore, proposto dalla Camera di Commercio, almeno a Milano è ormai prassi far locare i propri appartamenti a Milano dando non più del 5% all'agenzia che se ne è occupata. Su appartamenti piccoli, arredati e ristrutturati, che siano disponibili per locazioni a lungo termine, dove oggi a Milano si assiste ad una netta asimmetria tra una domanda prepontentissima ed un'offerta asfittica, è ormai prassi pagare poco o nulla.

Il discorso cambia se il bene vede assottigliarsi il proprio pubblico target e ha degli elementi negoziali che vanno gestiti da un professionista in sede di elaborazione di contratto. Prendiamo ad esempio la locazione di una casa di 300mq, in centro, quindi richiedente un canone di locazione importante, dove sia da rifare la cucina ed in vista di una locazione di lunga durata, la proprietà decide di dare questo onere agli inquilini entranti. In questo caso bisogna per prima cosa avere una posizione sul mercato come "agenzia di pregio", da cui il pubblico alto spendente, o le società per la relocation dei propri dirigenti, vanno per cercare questo tipo di soluzioni. Nel caso di immobili di questo tipo, a meno di non disporre di una propria amministrazione dedicata, l'opzione "faidate"è una utopia nel migliore dei casi, una totale perdita di tempo in media. Per immobili di questo genere, ed in generale per tutte le locazioni commerciali di uffici, dove lavori di ristrutturazione, siano essi relativi alla sola cablatura - che non va mai bene al nuovo inquilino - sono sempre presenti, è ragionevole invece riconoscere all'intermediario che ci ha aiutato a concludere l'affare da una mensilità di canone al 10% del canone di locazione annuale.

Le valutazioni fatte per i locatori, cui è dedicato il presente post, vengono in parte ribaltate nel caso dei conduttori. Trovare oggi a Milano centro una casa in una bella posizione, al giusto prezzo, con un contratto senza clausole strane e dove la proprietà sia ragionevole in merito ai suoi eventuali interventi di manutenzione nel corso della locazione è cosa che vale molto, sicuramente più di una mera mensilità di canone, ecco spiegate le richieste provvigionali di molte agenzie che oggi possono tranquillamente raggiungere il 12 - 15%

 

Per condividere con noi le vostre esperienze relative a richieste provvigionali che non avete trovato eque o anche solo per porci delle domande, non esitate a contattarci ad info@housingmilan.com

 

   

BreraRent: immobili residenziali in locazione in zona Accademia Brera
Faq: